Cosa significa intelligenza artificiale generativa e predittiva?

Data: 9 Gennaio 2024 Tempo di lettura: 6 minuti
Argomenti:

L’intelligenza artificiale generativa crea nuovi contenuti, come immagini, usando modelli di apprendimento profondo. Invece, l’intelligenza artificiale predittiva analizza dati esistenti per fare previsioni future, basandosi su algoritmi di apprendimento . La prima è orientata alla creatività, mentre la seconda si concentra sull’anticipazione basata su modelli passati.

L’AI è ormai ovunque e ne abbiamo una percezione sempre maggiore nel nostro quotidiano, dall’esplosione di ChatGPT si sono moltiplicati a vista d’occhio siti e tool vari basati su intelligenza artificiale per compiere qualunque genere di attività:

Eppure nonostante si parli molto spesso di intelligenza artificiale generativa (quella che, appunto, crea cose) e predittiva (elabora delle stime e delle previsioni su una base dati) spesso non si da bene di cosa si stia parlando e qual è la differenza.

Cosa vuol dire intelligenza artificiale generativa

L’intelligenza artificiale generativa agisce come un talentuoso creatore digitale, dando vita a contenuti a dir poco sorprendenti. Ecco cinque esempi di siti o app che sfruttano questa forma di intelligenza:

  1. DeepDream di Google. Questo progetto utilizza l’IA generativa per trasformare immagini comuni in opere d’arte psichedeliche, dimostrando la capacità dell’IA di reinterpretare la realtà.
  2. Artbreeder. Una piattaforma che consente agli utenti di combinare e modificare immagini per creare nuovi pezzi visivi unici, esplorando il potenziale creativo dell’IA.
  3. RunwayML. Questa piattaforma offre strumenti per artisti e sviluppatori per utilizzare modelli di IA generativa in vari campi, dalla generazione di arte digitale alla creazione di testi e animazioni.
  4. Jukebox di OpenAI. Un modello di IA che crea nuove canzoni in stili diversi, aprendo la strada a nuove forme di espressione musicale generata da intelligenza artificiale.
  5. This Person Does Not Exist. Un sito che utilizza IA generativa per creare volti umani totalmente inventati, dimostrando la straordinaria capacità della tecnologia nel generare immagini realistiche.

Questo senza andare a scomodare i già noti ChatGPT, Jasper, WriteSonic e tutte le altre AI per fare contenuti o post social oppure ancora Midjourney, DALL-E, Leonardo e siti per creare foto e immagini.

Potrebbe interessarti: alternative gratis a Midjourney AI

Un esempio di AI generativa: Midjourney crea immagini a partire da testo
Classico esempio di AI generativa: Midjourney può creare immagini a partire dalle nostre parole

Cosa vuol dire intelligenza artificiale predittiva

L’intelligenza artificiale predittiva si concentra sull’analisi dei dati passati per prevedere eventi futuri, guidandoci nella nostra comprensione e preparazione per ciò che verrà. Ecco cinque esempi concreti:

  1. IBM Watson Analytics. Questo strumento utilizza l’IA predittiva per analizzare dati aziendali e identificare trend futuri, aiutando le aziende a prendere decisioni informate.
  2. Netflix Recommendations. L’algoritmo di raccomandazione di Netflix utilizza l’IA predittiva per suggerire programmi e film futuri basandosi sul comportamento di visualizzazione passato degli utenti.
  3. Waze. L’app di navigazione utilizza l’IA predittiva per analizzare i dati del traffico passato e prevedere i tempi di percorrenza futuri, offrendo indicazioni stradali più accurate.
  4. PredictHQ. Questa piattaforma utilizza dati predittivi per anticipare e quantificare eventi futuri, dall’impatto delle condizioni meteorologiche agli eventi pubblici.
  5. Google Photos. L’intelligenza artificiale predittiva di Google riconosce volti e oggetti nelle foto, suggerendo automaticamente tag e album futuri basandosi su pattern di utilizzo passati.
Netflix usa l'AI predittiva per suggerire film e serie TV da guardare analizzando i nostri gusti

Conclusione

Spero l’articolo ti abbia aiutato a comprendere meglio la differenza tra AI generativa e predittiva. Una alimenta la creatività, produce contenuti e – di fatto – trasforma le nostre parole in qualcosa di concreto come immagini, video, musica o testi. L’altra ci aiuta a fare delle stime più accurate possibile in previsione futura, a fronte di un cazziliardo di dati elaborati al posto nostro.